La zona pelvica, questa sconosciuta - parte 2

A ogni donna i suoi rimedi


Come abbiamo visto nella prima parte, ogni donna è diversa, è unica, e lo dimostra anche nella modalità con cui risponde ai disturbi ai quali è più sensibile.

La soggettività nella sintomatologia e nell’impatto che uno o più elementi causali possono avere sulla persona comporta anche una soggettività nella cura.

Nel caso ad esempio di una cistite, nella nostra esperienza clinica riscontriamo infatti che ad alcune donne servirà lavorare maggiormente sull'intestino e sull'alimentazione, ad altre sulle difese immunitarie e sullo stile di vita, ad altre ancora sulle tensioni emotive.



Leggi anche: La risposta allo stress: le tre F


Questo è il motivo per cui il trattamento di una problematica non sarà focalizzato solo sul sintomo, ma andrà a valutare lo stato generale dell’organismo al fine di agire su tutti gli squilibri che sono presenti nel corpo in quel momento, come ad esempio uno stato di intossicazione, acidosi tissutale, carenze di vitamine e minerali, nonché affaticamenti organici, carenza di energia psico-fisica, alterazioni dell'umore, ecc.

Alla luce di questa complessità, per poter prevenire e curare i disturbi tipici della zona pelvica sarebbe opportuno riscoprirne le peculiarità, sia dal punto di vista anatomico che energetico. Affinare l'ascolto di questa parte del corpo permetterebbe di co